Rapporto OCSE 2022. Italia sotto la media per numero totale di infermieri e per numero di neolaureati in infermieristica

13 Dicembre 2022

Preoccupanti inumeri nella nostra provincia, con 6,2 infermieri ogni mille abitanti e solo7,21 neolaureati per centomila abitanti, ben al di sotto della media europea.Il Presidente OPI-Lecco Fedeli “Necessario intervenire per rendereattrattiva la professione al fine di garantire adeguati standard assistenziali”


Negli ultimi giorni è stato pubblicato il rapporto OCSE Health at a glance che, come suggerito dal titolo, getta uno sguardo suisistemi sanitari europei e sullo stato di salute dei cittadini. Per quanto concerne i numeri relativi alla carenza di personale sanitario sul territorio italiano i dati emersi non sono certo rassicuranti. All’interno del corposo documento è evidenziato il prezioso contributo che gli infermieri danno quotidianamente in tutti i sistemi sanitari dell’UE. Eppure, se ne evidenzia anche una massiccia carenza. L’Italia purtroppo non risulta tra i Paesi che spiccano nelle classifiche relative a numero diprofessionisti e di neolaureati oltre che di retribuzioni. Infatti, a fronte d iuna media OCSE che si attesta su 8,3 infermieri ogni 1000 abitanti nel nostro Paese il rapporto è di 6,3 (in leggera crescita rispetto al 2010, ma ancoramolto lontano dagli Stati più virtuosi). Ciò che preoccupa ulteriormente è il dato relativo agli infermieri neolaureati: in Italia sono solo 17 ogni 100.000 abitanti. Un numero che ci relega al quart’ultimo posto nel ranking dei 38 Stati membri (la media OCSE è di 43 per centomila abitanti). “Quanto emerge dal rapporto stilato dall’OCSE purtroppo non sorprende. Sono ormai anni che la professione infermieristica è in sofferenza nel nostro Paese e l’emergenza CoViD ha dato maggiore evidenza al problema,oltre ad aggravarlo” - commenta il Presidente dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Lecco, Fabio Fedeli- “Per risolvere la questione della carenza però non basta pensare di aumentare i posti messi a bando dalle Università per il corso di laurea in infermieristica. Quest’ultima può rappresentare una delle azioni da intraprendere, ma se non ci si impegna a rendere attrattiva la professione si rischia che i posti non vengano nemmeno saturati”. 

I numeri nella nostra provincia- “Dati dell’albo alla mano posso affermare che in provinciadi Lecco abbiamo un rapporto di infermieri per mille abitanti pressoché sovrapponibile alla media nazionale, ossia di 6,2/1000 abitanti. Un numero che con l’aumentare dell’età media e la necessità di prendersi cura di un numero sempre maggiore persone affette da patologie croniche o non autosufficienti è assolutamente esiguo. Ciò che ancor più preoccupa è il dato di neoiscritti inprovincia. A fronte di un numero di 17 neolaureati ogni 100.000 abitanti nellamedia italiana, in provincia ci attestiamo a 7,21.  Come avevo già evidenziato nella letteraaperta inviata ai candidati lecchesi al Parlamento, senza interventi concreti rischiamo l’estinzione della categoria. E la forte carenza infermieristica non è un problema della professione, ma di tutta la comunità, perché va a minare la qualità delle cure”.

Interventi urgenti-  “Quando parlo di interventi concreti non mi riferisco soloagli aspetti salariali. Anche quello è un aspetto critico evidenziato dal rapporto OCSE, dove l’Italia si piazza ben al di sotto della media Europea.Occorre anche valorizzare la formazione post-laurea e riconoscere le competenze acquisite con i percorsi di formazione universitaria, dando la possibilità di una carriera nel campo della clinica: aspetti questi che in alcune realtà estere sono tenuti in considerazione e non a caso abbiamo assistito anche a un aforte emigrazione di colleghi negli ultimi anni. Infine, è necessario adeguare i modelli organizzativi valorizzando le professioni sanitarie, adeguare il numerodel personale di supporto, contrastare il fenomeno della violenza sugli operatori sanitari, garantendo così adeguati carichi di lavoro e di stress”.


In allegato i grafici di confronto

DOWNLOAD DOCUMENTI


Ulteriori informazioni DL 172/2021

4 Gennaio 2022


Gentilissimi colleghi, 

con l'entrata in vigore del DL172/2021 questo Ordine sta provvedendo da fine dicembre 2021 a fare i dovutiaccertamenti in merito all’obbligo vaccinale che riguarda anche la dosebooster/terza dose. 

 Da una prima verifica sievidenzia che vi siano alcune inadempienze dovute ad un ritardo in buonafede della somministrazione della dose booster, chiamata anche "terzadose".Ai fini della validità del greenpass rafforzato esiste un lasso di tempo tra il completamento del ciclovaccinale primario (due dosi) e la scadenza dello stesso. Lasso di tempo che laLegge sull'obbligo vaccinale però non prevede e che è motivo di “alert” daparte della piattaforma utilizzata per le verifiche.

 Il Ministero ha chiarito che sindal primo giorno successivo ai 5 mesi dal completamento del ciclo vaccinaleprimario (cento cinquantunesimo giorno) la piattaforma dà “semaforo rosso” richiedendoagli Ordini di avviare la fase di accertamento. Pertanto, i professionisti chenon risultino ancora vaccinati con la dose di richiamo e per i quali sianodecorsi 152 giorni dal completamento del ciclo primario dovranno essereinvitati dall’Ordine a produrre la richiesta di prenotazione della dose dirichiamo da effettuarsi nel termine massimo di 20 giorni dall’invito.Questo indipendentemente dallavalidità del Green Pass rafforzato.

 Vi invitiamo dunque, qualora nonlo aveste fatto, a provvedere alla prenotazione ed effettuazione delladose booster al fine di risultare adempienti. L'Ordine è chiamato a svolgerequanto la Legge impone ma è consapevole delle incomprensioniburocratiche e normative di questo momento caotico e chiede la collaborazionedi tutti per evitare di incappare nelle sanzioni previste oltre al fattoche è quanto mai importante essere protetti per sé e per gli altri con la terzadose nel più breve tempo possibile.È anche possibile che risultiateinadempienti perché esonerati o guariti dal COVID, dato che però nonviene caricato in automatico sulla piattaforma. In questo caso vi preghiamodi produrre copia dell'esonero e/o copia di certificato di avvenuta guarigione(il certificato del proprio Medico di medicina generale che attesta l’avvenutaguarigione) ed inviarla via PEC all’indirizzo lecco@cert.ordine-opi.it 

Cordiali saluti.


Invito presentazione documento "Case di Comunità, una proposta per il territorio del Distretto di Lecco"

15 Dicembre 2021

Sì terrà il lunedì 20 dicembre 2021, la presentazionedel documento "Case di Comunità, una proposta per il territorio del Distretto di Lecco". 

Sarà possibile partecipare collegandosi da remoto allink: 

Riunione di Microsoft TeamsPartecipa da computer o app per dispositivi mobili Fai clicqui per partecipare alla riunione

<https://teams.microsoft.com/l/meetup-join/19%3ameeting_ZDEyNzE3NjItM2RkZi00ZTNhLTljYzYtMjdkZGY0MGNjZTcw%40thread.v2/0?context=%7b%22Tid%22%3a%225881d251-0919-4992-8544-615ce105b931%22%2c%22Oid%22%3a%226d1b98cb-ac37-49d8-82e3-de3c52218362%22%7d> 



Avviso pubblico - ASL 2 Azienda Sociosanitaria Ligure

29 Ottobre 2021


DOWNLOAD DOCUMENTI


Indagine per tesi di laurea - area materno infantile

1 Ottobre 2021

Una studentessa di infermieristica al terzo anno, sta elaborando la prorpia tesi di laurea con il seguente tema: "Gravidanza, parto e puerperio durante l'epidemia da Sars - CO V2". Lo scopo dello studio è comprendere meglio quali sono state le differenze nella gestione della gravidanza, del parto e del puerperio durante il periodo pandemico, cosa è cambiato e cosa, invece, è rimasto uguale nell'assistenza della gestante. 
Il questionario è rivolto a tutti gli operatori sanitari che svolgono la loro professione in area materno - infantile, al seguente link:

 https://forms.gle/RkJHmHmvYhsBvpvd8 


Avviso di mobilità regionale

13 Settembre 2021

Diffusione bando di avviso mobilità regionale, interregionale per titoli e colloquio per la copertura a tempo indeterminato di n. 1 posto di collaboratore professionale sanitario - infermiere - cat. D indetto con determinazione dirigenziale n. 1262 del 09/09/2021

DOWNLOAD DOCUMENTI


Chiusura estiva 2021

29 Luglio 2021

L'OPI di Lecco resterà chiuso dal 5 al 24 agoto.

Per comunicazioni urgenti è possibile inviare una mail a:   segreteria@opilecco.it

Buone vacanze!!!


Avviso di mobilità esterna mediante selezione pubblica del personale di ruolo dipendente delle amministrazioni pubbliche

15 Luglio 2021

In allegato si trasmette l'avviso di mobilità esterna dell'OPI di Treviso.  

DOWNLOAD DOCUMENTI


Comunicato stampa

30 Marzo 2021

Alleghiamo il comunicato Coordinamento OPI su delibera Regione Veneto

DOWNLOAD DOCUMENTI


OPI Lombardia: "didattica in presenza per i figli di infermieri ed altri operatori essenziali"

10 Marzo 2021

Alleghiamo la nota del coordinamento degli OPI della Lombardia, trasmessa nella giornata di oggi

DOWNLOAD DOCUMENTI

Sito realizzato da Labucdesign e Nereal.com con tecnologia Volcano 4